Partecipa con noi a DanzainBlog!

PEnsiErI PoEsiE ImmaginI

PEnsiErI PoEsiE ImmaginI

Partecipa con noi a DanzainBlog!
Scrivi i tuoi pensieri e le tue poesie, scatta le tue immagini e inviale a danzatrevi[at]yahoo.it
Scopri con noi e per noi le riflessioni e gli aforismi sulla danza.
Saremo lieti di pubblicarli!
La redazione di DanzaTrevi.it

Gocce di danza,
di note fluenti,
di archi e volteggi ritmati,
sospesi tra lievi arabeschi.

Frammenti di stelle
di coni di luce riflessi,
di specchi,
di spazi ammiccanti,
di arpeggi e sottili vapori.

Lo sguardo che insegue
li afferra d’un tratto,
così, respirando, rivela
tremule gocce,
leggere danzando.

Gocce di danza

Tiziana Ravagli per DanzaTrevi, 2008

La danza… una poesia di Claudia per DanzaTrevi

La danza è un’arte trovala nel cuore. La danza è passione, da scoprire fino in fondo. La danza è l’amore, vivilo… anche quando sei triste, ti darà forza, serenità e allegria. La danza è musica, una canzone che non finisce, continuerai a sentirla sempre. La danza è amicizia, conoscerai tante persone tutte con la tua stessa luce negli occhi. La danza è per tutta la vita… non ti deluderà mai…

Danza come...

Rebecca

Danza come Desiderio… Danza come Delicatezza… Danza come Determinazione… La Danza è tutto ciò che ci fa pensare… E’ ciò che ci distacca dalla tristezza…

Guardandoci bene,
guardandoci a fondo,
abbiam costruito un bel mappamondo,
ognuno diverso per un mondo più bello
tanti bambini e un ritornello
saremo grandi su questa terra senza odio, razzismo, ne fame, ne guerra.
Allora il dono è il giro del mondo,
basta guardarsi, è un girotondo
ognuno diverso per un mondo più bello
tanti bambini e un ritornello
saremo grandi su questa terra senza odio, razzismo, ne fame, ne guerra!

DanzaTrevi per tutti i bambini del mondo!
Mani, girotondo, mappamondo [foto di stokpic, via pixabay, CC0 Creative Commons, Libera per usi commerciali, Attribuzione non richiesta]
[La poesia è tratta dalla sceneggiatura del Saggio dell’anno accademico 1999-2000: Dimmi Babbo cos’è il razzismoIl razzismo spiegato a mia figlia, spettacolo di danza, musica e teatro da un’idea di Danilo Rapastella, Tiziana & Erica Ravagli. Liberamente tratta dal lavoro omonimo di Tahar Ben Jelloun.]
La poesia è di Tiziana Ravagli, Guenda Camilla Piccardi, Danilo Rapastella
Danzarmonia by Guenda Camilla
La leggerezza d’una farfalla di Valentina Tardioli

La leggerezza d’una farfalla, 

colorita e bella 
che ad ogni battito d’ali sparisce nel sereno 
tra le nuvole sospinte dal vento 
dietro monti sconosciuti… 
è questo ch’io sento mentre danzo, 
m’abbandono al volteggiar degli arti 
in una stanza vuota 
immaginando intorno la natura d’un paesaggio 
e mi muovo sfruttando lo spazio 
al ritmo della musica; 
intermittenza dei battiti del cuore. 
Gli occhi persuasi a chiudersi 
volano in un mondo di fantasia, 
dove a saltar in alto tocchi le stelle, 
a roteare sprigioni forza tal da uragano, 
ad aprir le braccia 
indietreggiando con la schiena 
abbracci la tua passione. 

Questo non è semplice “danzare”, 
ma lasciarsi andare, 
sognare, 
scaricarsi della realtà confusa, 
rannicchiarsi con poche mosse 
nell’ideale di felicità.
Quella che io provo prillando 
è vera dedizione 
non importano regole, 
rigidi schemi o posizioni, 
basta volontà e un pizzico d’ingenuità, 
sapersi adattare alle note 
e fantasticare 
slanciandosi verso il più ambito dei desideri… 
E se per vivere la vita 
considerandola immortale come dea, 
splendida come una sorgente montana, 
bastasse accennare passi, 
vorrei danzare sempre, 
sulle ali dello spirito soave 
che in me 
si rifugia 
bramando movimento.

La leggerezza di una farfalla che disegna un cuore [foto di stux, via pixabay, CC0 Creative Commons, Libera per usi commerciali, Attribuzione non richiesta]
Un cuore, un arcobaleno [foto di Maiconfz, via pixabay, CC0 Creative Commons, Libera per usi commerciali, Attribuzione non richiesta]
Così Samantha racconta la Danza e DanzaTrevi per TreviRomantica!

È andata proprio così, eravamo piccole… e con gli occhi grandi di chi scopre il mondo, ci siamo innamorate di quelle scarpette rosa, di quei tutù pieni di brillantini, di quell’eleganza di cui solo i ballerini sono dotati…
È stato allora che abbiamo deciso di inseguire un sogno, con la determinazione di chi non conosce ostacoli, pronte a raggiungere i nostri obiettivi.
Per noi in quei piccoli passi perfetti c’era qualcosa di magico che ci chiamava a sé, abbiamo iniziato prima per gioco poi per passione a far vedere al mondo il nostro modo di comunicare… di esprimere e di emozionare.
La nostra scelta ci ha portati a crescere in stanze piene di specchi con sbarre appese ai muri, dove ci hanno insegnato che l’importante è saper contare fino a 8, sorridere e andare avanti, sempre… Abbiamo visto la nostra immagine riflessa cambiare… crescere e modificarsi! Abbiamo imparato con il tempo il significato della parola determinazione, abbiamo sorriso e pianto, abbiamo sudato ogni piccola conquista e se dopo tanto tempo siamo ancora qui… vuol dire che forse abbiamo fatto la scelta giusta!
Abbiamo le gambe gonfie e storte i piedi a papera pieni di vesciche.. la pelle bruciata e le ginocchia consumate dai lividi!
Abbiamo sorrisi nuovi da sfoggiare a ogni minimo dolore.. abbiamo pazienza ma anche ansia perché in fondo siamo atleti…atleti che richiedono ancora più energie degli altri… a noi non è permesso mostrare fatica e dolore, perché l’immagine che offriamo è quella dei sorrisi, della pace e dell’amore… come se per noi ballare fosse facile e lineare come bere un bicchiere d’acqua…. eccola la differenza!
A noi non è permesso portare in scena la fatica e il dolore della danza.
A noi che amiamo l’arte e ne portiamo in scena l’essenza stessa è consentito soffrire solo dietro le quinte!
Con il tempo il rumore delle punte sul parquet, che all’inizio ci affascinava tanto, è diventato routine, vuol dire creare e disfare migliorare per migliorarsi e continuare a cresce davanti a quegli specchi…. significa lavorare con passione e con amore per dare il meglio di noi stessi sul quel palco a fine anno.
La luce dei riflettori ormai da anni scalda la nostra pelle… ma a scaldare i nostri cuori pieni di adrenalina ci saranno solo i vostri applausi che ci faranno dimenticare tutto il dolore e tutti i sacrifici…
Dopo avervi raccontato ciò che siamo vi diciamo che abbiamo bisogno di tornare a lezione e riprendere a sudare.
Sentiamo la necessità di appoggiare ancora una mano sulla sbarra per non sentirci persi abbiamo voglia di muscoli doloranti che siano capaci di ricordarci che stiamo vivendo a pieno la nostra vita!

Così… giorno dopo giorno passo dopo passo!

Un grazie ad Adelaide per questi 'sassi danzanti' vere emozioni lungo la battigia! By ADE from Pedaso (Marche)
emozioni danzanti (1) by ADE
emozioni danzanti (2) by ADE

Da www.nationalgeographic.it un magnifico racconto per immagini: BALLERINE NELLA BIDONVILLE

UN FOTORACCONTO di Sarah Stacke – fotografie di Fredrik Lerneyrd: Lezioni di danza sostenute da associazioni benefiche offrono nuove speranze a bambine e ragazze dello slum di Kibera a Nairobi

Privacy Preferences - Preferenze sulla Privacy

Quando visitate il nostro sito web, esso può memorizzare informazioni attraverso il vostro browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi modificare le tue preferenze sulla Privacy. Vale la pena notare che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla vostra esperienza sul nostro sito web e sui servizi che siamo in grado di offrire.

Clicca per abilitare/disabilitare Google Fonts
Clicca per abilitare/disabilitare Google Maps
Clicca per abilitare/disabilitare video embeds

Privacy policy

Il nostro sito web utilizza i cookie, principalmente da servizi di terze parti; potete definire le vostre preferenze sulla privacy e/o acconsentire all'uso dei cookie.